L’affare Dreyfus fra Proust e Polanski

Testo di: Lucia Senesi

Pare che Roman Polanski dirigerà un film sull’affare Dreyfus. Per chi non ricordasse di cosa stiamo parlando, si tratta di uno scandalo politico che divise l’opinione pubblica francese negli ultimi anni dell’ottocento. Dreyfus era un ufficiale proveniente da una famiglia borghese ebrea, ingiustamente accusato di essere una spia della Germania (accusa che si basava su una somiglianza di grafie). Numerosi intellettuali francesi si schierarono per difendere la posizione di Dreyfus, fra i quali Émile Zola, Anatole France e Marcel Proust. Proprio Proust si occupò ripetutamente dell’affare Dreyfus all’interno della Recherche (basta pensare che il suo beniamino Swann è proprio di origine ebraica) come ulteriore strumento di denuncia nei confronti dei salotti parigini.

 

Roman-Polanski-_2662914b

 

“La piccola cerchia di amici che si ritrovava per cercare di perpetuare, di approfondire, le fugaci emozioni del processo Zola, attribuiva ugualmente una grande importanza a quel caffè. Ma era malvista dai giovani nobili che costituivano l’altra parte della clientela, e avevano adottato una seconda sala, separata dalla prima soltanto da una leggera balaustra ornata di piante. Costoro consideravano l’affare Dreyfus e i suoi partigiani come traditori, benché venticinque anni dopo, quando le idee avendo avuto il tempo di venire classificate e il dreyfusismo di assumere nella storia una certa eleganza, i figli bolscevizzanti e amanti del ballo di questi stessi giovani nobili dovessero dichiarare agli “intellettuali” che li interrogavano che certamente, se fossero vissuti a quei tempi, sarebbero stati dalla parte di Dreyfus, senza sapere dell’Affare molto più di quanto sapessero della contessa Edmond de Pourtalès o della marchesa Galliffet, altri splendori già spenti al tempo della loro nascita. Infatti, in quella sera di gran nebbia, i nobili del caffè, che dovevano essere più tardi i padri di quei giovani intellettuali retrospettivamente dreyfusardi, erano ancora ragazzi.”

Marcel Proust, I Guermantes

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...