Obama e la democrazia – Noam Chomsky

Scritto da: Lucia Senesi

 

“Riguardo alla democrazia, Obama ha detto che “noi non presumeremmo mai di scegliere il risultato in pacifiche consultazioni elettorali”; proprio come a gennaio del 2006, quando Washington ha scelto eccome il risultato, passando subito a punire severamente i palestinesi perché il risultato di una pacifica consultazione elettorale non era gradito. Tutto con la manifesta approvazione di Obama, a giudicare dalle parole precedenti l’insediamento e dalle azioni che l’hanno seguita.

Obama si è educatamente astenuto dal fare commenti sul suo ospite, il presidente Mubarak, uno dei dittatori più brutali di tutta la regione, anche se gli ha riservato qualche parola illuminante. Mentre si accingeva a salire a bordo di un aereo diretto in Arabia Saudita ed Egitto, i due Stati arabi “moderati”,

Obama ha segnalato che, pur accennando alle preoccupazioni americane riguardo al rispetto dei diritti umani in Egitto, non vorrebbe contestare troppo aspramente Mubarak, perché questi costituisce “una forza per la stabilità e il bene” in Medio […] Obama ha detto di non considerare Mubarak un leader autoritario. “No, io tendo a non etichettare la gente”, ha detto. Il presidente ha osservato che ci sono state critiche “sul modo in cui funziona la politica in Egitto”, aggiungendo però che Mubarak è stato “per molti aspetti un alleato forte per gli Stati Uniti”.

Quando un politico adopera la parola “gente” dobbiamo prepararci all’inganno (o peggio) in arrivo. Al di fuori di questo contesto, ci sono “persone” o spesso “canaglie”, ed etichettarle è sommamente meritorio. Obama ha ragione, però, a non adoperare la parola “autoritario”, un’etichetta troppo delicata per il suo amico.

Esattamente come in passato, il sostegno alla democrazia, e anche il rispetto dei diritti umani, si attiene al modello che la cultura ha ripetutamente svelato, modello strettamente correlato agli obiettivi strategici ed economici. Non dovrebbe essere molto difficile comprendere perché chi non ha gli occhi serrati dal dogmatismo liquida il desiderio di democrazia e diritti umani di Obama come uno scherzo di cattivo gusto.”

Noam Chomsky, Ultima fermata Gaza

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...